Microzonazione sismica e ricostruzione

maggio 24th, 2017

microzonazione e ricostruzione

Il Commissario per la ricostruzione ha emanato l’ordinanza n. 24  del 12 maggio 2017 in merito all’assegnazione dei finanziamenti per gli studi di microzonazione sismica di III livello ai Comuni interessati dagli eventi sismici verificatisi a far data dal 24 agosto 2016. Ma che cos’è la microzonazione sismica? A cosa è utile? Può mettere in pausa la ricostruzione? Rispondiamo a queste domande.

Che cos’è la microzonazione sismica e tempi di esecuzione

La Microzonazione Sismica (MS) si articola nell’esecuzione di  studi geologici, prove geofisiche e geotecniche di laboratorio. Attraverso questi studi è possibile individuare e caratterizzare le zone stabili, le zone stabili suscettibili di amplificazione locale e le zone soggette a instabilità, quali frane, rotture della superficie per faglie e liquefazioni dinamiche del terreno. I risultati degli studi sono poi sintetizzati su carte tematiche del territorio. Esistono MS di primo e terzo livello. Gli studi di terzo livello sono i più approfonditi in termini di dettaglio dei risultati. La MS è uno strumento per la pianificazione del territorio.

I tempi di realizzazione, secondo quanto previsto dall’ordinanza n. 24, sono 2 mesi concessi ai comuni per affidare l’incarico ai tecnici e 5 mesi ai tecnici per presentare lo studio. Totale, al netto di proroghe, 7 mesi.

Ma in pratica a cosa serve?

La MS serve a individuare porzioni di territorio dove non è possibile costruire, perché un futuro sisma potrebbe arrecare danni anche a costruzioni solide. E’ utile per individuare situazioni di modificazione del territorio dovute al terremoto e pericolose per la futura ricostruzione. Sono quindi molto importanti nella pianificazione del territorio e nella fase di ricostruzione dei centri abitati dopo un terremoto.

Nella figura sottostante vediamo danni alle costruzioni importanti perché sopra l’epicentro (sito 1), ma vediamo anche danni importanti a distanza dell’epicentro (sito 4) a causa dei terreni di fondazione che amplificano l’onda sismica. La MS serve a individuare queste ultime zone (sito 4).

effetti di sito provocati dal sisma

Può la microzonazione mettere in pausa la ricostruzione?

Si e No.

Si. Nei quei centri storici dove ci sono stati danni gravissimi (Accumoli, Arquata, Pescara del Tronto et al), perché occorre capire se i danni dei sisma non sono solo quelli visibili, ma anche nel sottosuolo. Perché prima di ricostruire bisogna essere sicuri di non ritrovarsi punto e a capo tra 50 anni.

No. In quei centri storici o abitati poco danneggiati, con il buon senso e lo studio geologico da condurre nel caso di edifici con esito E, gli uffici speciali per la ricostruzione continueranno a istruire i progetti presentati dai professionisti, senza fermare la macchina.

Vi invito a lasciare i vostri dubbi nei commenti, in questo modo le risposte saranno visibili a tutti. Ti è piaciuto questo articolo? ISCRIVITI ALLA MAILINGLIST DI SISMA CENTRO ITALIA così riceverai anche i prossimi!


You might also like

4 Comments

  • Luisa Tescari

    Mag th, 2017 2:17 PM Reply

    Ma nella ipotesi del “si” (si allungano i tempi della ricostruzione), come si fa a rispettare il termine del 31/12/17 per presentare il progetto di ricostruzione dell’appartamento ed ottenere il finanziamento del 100% dalle banche?

    • Ing. Marco Domanico

      Mag th, 2017 7:11 AM Reply

      I termini fissati in luglio e dicembre erano già una chimera prima della microzonazione. Basti pensare che sono rimasti da fare almeno 80000 sopralluoghi di agibilità, pertanto sono messi là per “sport”. Questi termini verranno prorogati senza alcun dubbio.

  • Pierottavio

    Mag th, 2017 5:59 AM Reply

    siamo sicuri che a Norcia sia necessario aspettare tanto tempo? quasi un anno???Norcia è stata ricostruita molte volte e nella stessa zona! Spesso gli epicentri sono vicini e i danni ad ogni terremoto sono stati diversi nella stessa via o collina. Bisogna solo migliorare, costruire con tecniche moderne, usando legno e acciaio magari con isolatori! In caso di terremoto non ci saranno più danni gravi e i disagi saranno ridotti al minimo MA NON SI DEVE ASPETTARE!!!

    • Ing. Marco Domanico

      Mag th, 2017 7:08 AM Reply

      Norcia, nonostante abbia subito il sisma con magnitudo più alta, ha retto molto bene. Non credo proprio che le istituzioni vogliano “spostare” Norcia, per tali ragioni in questo caso si spera prevarrà il buon senso, credo che gli uffici procederanno a esaminare i progetti presentati senza aspettare la microzonazione.

Lascia un commento